IL MIO AMORE NON SI ALLONTANERÀ DA TE

 

Virginie è una missionaria consacrata francese che vive in Argentina da undici anni. L'esperienza dell'Amore, che non la lascia mai, l'ha portata a consacrarsi definitivamente a Dio il 6 febbraio scorso.

 


Come ha sperimentato questo amore di Dio? Lo ha condiviso con noi alla fine della Messa di Consacrazione nella Cattedrale di San Miguel:

 "Anche se i monti si spostassero e le colline vacillassero, il mio amore non si allontanerà da  te, dice il Signore che è innamorato di te" (Is 54,10). Questo è quello che ho scoperto, Dio è innamorato di questa umanità, è innamorato della mia vita. Anche se ci sono colline che si muovono - e nella mia vita ce ne sono state - il suo amore è stato un'ancora di salvezza nei momenti in cui tutto si è mosso così tanto, quando i sogni sono crollati improvvisamente, come  quando ho accompagnato mia madre all'ultimo abbraccio quattordici anni fa. Ho trovato in Gesù - che stavo appena cominciando a conoscere in quel momento - l'amore che rimane, che consola, quell'amore che condivide anche il dolore e le lacrime e che sostiene la speranza. Grazie a Dio le colline non si muovono sempre così tanto, e questo amore rimane, giorno dopo giorno, e ha saputo prendere il tono giusto per colmare il mio cuore: il tono di compassione, di tenerezza, di passione per questo mondo che mi incoraggia nella missione".

 

Il mio SÌ oggi è possibile solo perché è un SÌ sostenuto. Prima di tutto dal sì di Dio.

È sostenuto anche dalla mia comunità. È la famiglia che Dio mi ha dato, dove ha voluto che scoprissi il Suo amore, i missionari e le missionarie, i servitori (laici), i GiSeM (Giovani Servitori in Missione) sono quelli che mi hanno incarnato la presenza di un Dio vicino, tenero, umano e appassionato.

Sono anche grata anche al popolo argentino, voi siete la mano del vasaio con cui Dio ha voluto plasmare anche il mio cuore missionario. 

Do questo Sì con un cuore pieno di gratitudine e con il desiderio di vivere la stessa qualità d'amore che ho ricevuto.

 

Oggi vorrei fare mie le parole che ho scelto come motto, vorrei, Signore, che il mio amore non si allontani da te, perché so che hai bisogno del mio cuore come sposa, come compagna, e perché desidero che insieme possiamo dare vita al mondo e che molti possano rinascere nel calore del tuo amore. E vorrei anche dire alla mia comunità: Cara comunità, Servitori del Vangelo, mia famiglia, desidero con tutto il cuore che il mio amore non si allontani da voi, che possiate contare su di me. Insieme a voi, voglio costruire questa comunità, essere fedele allo spirito affinché insieme possiamo incarnare il sogno che Dio ha per noi in questo mondo".

 

Virginie ci ha invitato a metterci nelle mani della Madonna e a rinnovare il nostro sì sostenuto dalla certezza della fedeltà di Dio, della fedeltà di quell'amore che non ci lascerà mai.








Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!