È una biblioteca, ma è soprattutto una "casa"


Mi chiamo Nassirou, sono nato a Dapaong e sono musulmano. Voglio raccontarvi come la mia vita scolastica e sociale abbia subito una svolta quando, nel 2014, ho incontrato la "Casa della gioventù". È una biblioteca, ma soprattutto una "casa".

Alle elementari ero un alunno brillante, ma poi alle superiori sono sceso di livello. Il mio esame di ammissione all'università è stato un disastro perché mi sono lasciato trascinare dalle cattive compagnie. Ho deluso molto i miei genitori con questo fallimento.

Un giorno vidi uno striscione che attirò la mia attenzione: "Casa della Gioventù". Nonostante la mia timidezza, decisi di andare a vedere cosa nascondeva l'annuncio.  Tutto è iniziato con una conversazione con una delle missionarie che gestiscono questa "casa della gioventù", dopo la quale ho cercato un modo per trovare gli 800 franchi necessari per l'iscrizione alla biblioteca, l'equivalente di 1,25 euro. Per me, all'epoca, era una somma ingente. È così che la mia vita ha iniziato a cambiare.

La "Casa della gioventù" accoglie persone di tutte le religioni e vuole fornire loro un'istruzione. È una biblioteca, ma soprattutto una "casa". Una casa cristiana dove tutti hanno un posto, anche i musulmani come me. Noi giovani ci sentivamo uniti nonostante avessimo un'educazione, una cultura e una religione così diverse.

Che bella esperienza ho vissuto lì! Insieme abbiamo ricevuto e scoperto l'apertura spirituale, abbiamo partecipato a un teatro, scritto dal mio amico Kassim,... L'unica religione che abbiamo vissuto è stata quella dell'apprendimento. Ho scoperto la persona con cui voglio passare il resto della mia vita.  Ci siamo conosciuti durante le attività in biblioteca e sono grato per l'accompagnamento delle missionarie in questa relazione.

A tutti coloro che hanno vissuto questi bei momenti con me e a tutti coloro che rendono possibile ad altri di viverli, vorrei dire: Grazie mille, N'labalé, Akpé kaka, Merci beaucoup, Balg bé, Danke schön and thank you.

Nassirou KONDJA





Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!