AVVENTO: lasciar parlare il cuore



Chi di noi non ha impresso nel cuore quel momento in cui il Papa, solo in piazza San Pietro, sotto una pioggia scrosciante, ha guidato quel momento di preghiera a cui ci siamo uniti da tutto il mondo?

Cominciava la pandemia e, come i discepoli nella tempesta, ci sentivamo smarriti ed angosciati. I discepoli, vedendo che Gesù dormiva, lo svegliarono dicendogli: “Maestro, non t'importa che moriamo?” (Matteo 4, 38) Pensavano, ci diceva il Papa, che Gesù non s'interessasse a loro, che non gli facesse caso... Eppure, ci tiene a noi più di chiunque altro.

Sono passati più di otto mesi da quel momento. E continuiamo a trovarci in una situazione molto difficile. Ci stiamo avvicinando al Natale e in alcuni paesi non sappiamo nemmeno se questa volta potremo festeggiarlo in famiglia...

La malattia, l'isolamento, la morte, la vulnerabilità economica, la paura, il distanzamento... fanno già parte del nostro scenario quotidiano. Non si sente più nient'altro al telegiornale. E anche se sembra che ci stiamo già adattando un po'a questa "nuova normalità", la verità è che nel profondo del cuore c'è un sottofondo di stanchezza e di lotta per mantenere viva la speranza.

 Forse non abbiamo mai osato dire queste parole a Dio, o forse l'abbiamo fatto, ma questo tempo di Avvento che stiamo iniziando è proprio il momento di far parlare il cuore. "Signore, non ti dispiace se moriamo? Ti sei dimenticato di noi?" Signore, sappiamo che sei un Dio vicino al nostro dolore, ma dove sei adesso? Vieni Signore, vieni a noi, vieni a salvarci! ”. Il popolo d'Israele parlò a Dio così: "Vorrei che i cieli si squarciassero e tu scendessi!"

Perché solo quando il cuore si mette in ricerca, in cammino e osa porsi domande, e osa gridare a Dio, si rende conto di non essere solo. Questo è precisamente l'Avvento!

 In cammino, quando ci sentiamo soli nella notte della storia, con il cuore vigile, alla ricerca della sua presenza… all'improvviso, ci accorgiamo che una mano sta stringendo la nostra con calore e fermezza. “Sono qui ... sono io. Sì, ho squarciato i cieli e sono sceso per non lasciarti mai solo. ”È Lui il Dio fatto uomo!

 Il percorso verso il Natale che faremo in queste quattro settimane è molto importante, perché significa camminare per scoprire personalmente, nel profondo del nostro cuore, che sì, Dio ci tiene a noi. Ci tiene così tanto che ha squarciato i cieli ed è sceso. Ha condiviso con noi una storia piena di gioie e dolori; di speranze e dubbi, angoscia e tristezza. E lo ha condiviso proprio così che non ci sentiremo MAI soli.

 Oggi vi invito a guardare quest'ultimo tempo e a vedere un momento in cui avete pianto, con o senza lacrime. Portalo alla tua mente e al tuo cuore. Un momento di tristezza, vulnerabilità, paura, per te o per chi ami. Scopri che in quel momento Lui c'era, tenendoti la mano, sussurrandoti all'orecchio: "Ci tengo a te... ci tengo a te... sono qui e non ti lascerò mai" Non lasciare che questo Avvento passi senza scoprire il palpito del Dio vivente nella tua vita. Non lasciarlo passare senza aprire il tuo cuore per scoprirlo vivo e presente nella realtà di oggi, portandoci speranza e conforto.


 

Verónica Alonso

Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!