"Io offro la mia vita con te"

 "Io offro la mia vita con te" sono le parole che Gesù rivolse a me in preghiera, invitandomi a rinnovare le mie promesse di consacrazione. Sostenuta da questa promessa, credendo che la sua vicinanza e il suo amore mi permetteranno di amare come lui, ho offerto di nuovo la mia vita a Cristo. Durante la messa, circondata da persone a me molto vicine e importanti, ho rinnovato le promesse di consacrazione, che ho fatto per la prima volta tre anni fa in Argentina. 

Ci si potrebbe chiedere perché sia importante fare promesse che non sono né prime né finali. L’ha spiegato María Amparo, nella lettera che ci ha scritto per quest’occasione, a nome del Gruppo Responsabile della nostra Comunità: «Magda, oggi rinnovi il tuo «sì» fino al momento delle tue ultime promesse. È come dire a Dio: "Oggi ti amo più di ieri, ma domani ti amerò più di oggi". 

La lettera di María Amparo, che si è letta all'inizio della Messa, mi ha fatto sentire la presenza dell'intera Comunità dei Servitori del Vangelo, che in questo momento importante, da diverse parti del mondo, si univano a me in preghiera. Ho sentito questa vicinanza spirituale soprattutto quando ho letto la formula della consacrazione. Inginocchiata davanti all'altare, rivolgendomi a Cristo Crocefisso, ho sperimentato come il mio "sì" sia sostenuto e portato a Dio da coloro che in quel momento pregavano con me: la mia famiglia, le mie sorelle missionarie, gli amici, i sacerdoti e tutti quelli che non erano fisicamente presenti, ma che porto, e che mi portano, nel mio cuore. È stata una bellissima esperienza di Chiesa: Chiesa - Famiglia. Chiesa - Unità. 

Ecco perché alla fine della Messa, ringraziando, le parole che avevo prima compreso da Gesù: "Darò la mia vita con voi", le ho rivolte a tutti coloro che erano presenti: Io, Magda, come missionaria, darò la vita accanto a te, fratello sacerdote, che metti la tua vita al servizio di Dio e del suo popolo; insieme a voi, sorelle e fratelli che predicate il Vangelo con la vostra vita; insieme a voi, genitori che prendete cura della vita dei vostri figli; Insieme a te, giovane che nel tuo lavoro, nei tuoi studi, dai testimonianza dell'amore di Dio. Il mio "sì" è unirmi a questo grande fiume di cuori che già amano. 

Darò la mia vita come missionaria, in questa comunità dei Servitori del Vangelo, annunciando la Parola di Dio e formando missionari, perché Cristo mi insegna a darla con Lui, perché mette sul mio cammino i fratelli che mi nutrono con la loro dedizione quotidiana. . . Grazie, Signore, per essere lì. Grazie per essere qui. La mia vita ti appartiene! 

Magda Obarska 













Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!