L’uomo candela

 

                 

Hai mai sentito il desiderio di fare qualcosa di grande, di bello, di pazzo per gli altri? Vedendo
le ingiustizie, le sofferenze del mondo, dei tuoi, hai cercato il modo d’essere consolazione, sicurezza, fortezza per loro? Ti sei reso conto che ci sono dei limiti e che a volte non riesci a fare tutto il bene che vorresti?

 

Due settimane fa, abbiamo fatto una veglia in un quartiere di Brindisi. È un quartiere non facile, e proprio per questo, siamo andate da loro. abbiamo fatto una piccola rappresentazione teatrale, e la cosa bella, è che hanno partecipato persone del quartiere, giovani, adolescenti, bambini e adulti.  Il titolo era: “L’uomo candela”.

 

Si tratta di un uomo che vedendo tutto quello che accadeva attorno a sé, decise d’essere luce per gli altri. Cioè, dare la sua vita perché gli altri potessero vivere e essere felici.

Quest’uomo era deciso, ma aveva delle paure, perché capiva che essere portatore della luce, era anche, consumarsi giorno dopo giorno senza sosta.

Prima di continuare il racconto vorrei farvi una domanda: secondo voi come finisce la rappresentazione? Pensate che l’uomo candela dia un passo in dietro, si lasci trascinare dalla paura?

All’inizio quando capì che essere luce, era la stessa cosa che consumarsi fino alla fine, gli venne la voglia di lasciar perdere, di rimanere nel comfort, ma fu oltre e in quella fedeltà si rese conto che consumarsi era sinonimo di vita e vera gioia.

 

Perché vi racconto questo piccolo teatro? Perché credo che tutti noi abbiamo ricevuto la luce di Cristo, Lui stesso l’accesa nei nostri cuori. Noi siamo quest’uomo, questa donna “Candela” e possiamo fare che nostro mondo possa diventare più illuminato.  

Il desiderio che hai di fare del bene, è lecito, perché sei fatto per amare e consumarti giorno dopo giorno.

Pensa un attimo a tutte le persone che cercano la luce, la vita, la speranza... e tante volte la cercano ovunque, senza trovarla, anche se rimangono abbagliati. 

Ecco, vogliamo vivere e consumare le nostre forze, le nostre energie fino alla fine, affinché questo mondo possa brillar e tanti giovani, adulti, bambini, anziani trovino la forza e la gioia di vivere e dare la vita.

Accendi la tua luce anche tu, ce n'è tanto bisogno! e se non la trovi, guardati dentro, Gesù col suo amore dà luce nuova alla tua vita; guardati attorno, e vedrai altre candele accese, disposte a condividere la loro luce con te.


Rosaura




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!