Volto giovane di una Chiesa antica

Quando il cuore arde, poco importano i numeri. Vi condividiamo la testimonianza dei ragazzi della nostra comunità in Israele, e la loro missione in Giordania.


Siamo giovani greco-cattolici che da tre anni ci formiamo con le missionarie in Terra Santa.  Apparteniamo a una delle Chiese orientali più antiche del mondo e viviamo come minoranza tra ebrei e musulmani. Abbiamo sperimentato che il Signore ha posto il suo sguardo su di noi e ci ha dato molti doni, soprattutto la fede in un Dio misericordioso. Abbiamo scoperto la ricchezza della fede e la bellezza della liturgia bizantina quando molti ragazzi della nostra età lasciano la Chiesa perché non capiscono le celebrazioni.

Quando le missionarie ci hanno proposto una missione in Giordania, abbiamo tutti pensato che fosse davvero giunto il momento per ciascuno di noi di uscire, di scoprire quanto abbiamo da dare. Dio chiama noi come giovani.

La Giordania è il nostro Paese confinante. In apparenza il viaggio è breve, non più di duecento chilometri. Ma arrivare in Giordania significa entrare in un altro mondo.  Abbiamo impiegato tre ore e mezza per attraversare il confine con tutto il materiale che avevamo portato con noi per giochi e attività per bambini e adulti. Quando siamo arrivati a destinazione, Zarqa, ci siamo trovati in una città che qualche decennio fa aveva un grande nucleo cristiano. Ma a poco a poco i cristiani hanno lasciato il luogo per vivere in zone migliori o all'estero. Solo chi non poteva permettersi di farlo per mancanza di risorse è rimasto lì. Poi sono arrivati molti rifugiati, per lo più musulmani dai paesi vicini.  A Zarqa c'è molta povertà, mancanza di lavoro, mancanza di istruzione, mancanza di mezzi...

Siamo stati accolti calorosamente dalle persone delle due parrocchie greco-cattoliche. I giovani presenti ci stavano già aspettando, desiderosi di condividere con noi. L'esperienza di amicizia che si è sviluppata tra noi e i giovani di Zarqa è stata molto speciale. Insieme abbiamo pregato, insieme abbiamo svolto le attività per i bambini e insieme abbiamo ballato e cantato. La fede ci ha uniti e abbiamo sperimentato che possiamo aiutarci a vicenda a crescere come giovani e a prendere il nostro posto nella Chiesa. Abbiamo davvero scoperto un volto giovane e condiviso della Chiesa.

In questa missione abbiamo avuto l'opportunità di trasmettere la presenza di Cristo nei sacramenti, nei santi e nelle Scritture a circa ottanta bambini e adolescenti con cui ci siamo incontrati ogni mattina. Siamo andati in pellegrinaggio alla grotta del profeta Elia a Tishbe e al Monte Nebo, da dove, come Mosè, abbiamo visto la Terra Promessa che ora è la nostra. Abbiamo scoperto il tocco tenero della mano guaritrice di Dio quando, in una notte di preghiera di conversione, siamo stati unti con un profumo di nardo. Abbiamo visto nelle persone che ci hanno accompagnato: i sacerdoti, le missionarie e un monaco che è possibile l'unità nella diversità quando c'è amore e rispetto reciproco e quando ognuno gode dei doni degli altri. Quanti regali!

Abbiamo iniziato la nostra missione con una veglia di preghiera per tutta la parrocchia. Abbiamo seminato del grano, che simboleggia la nostra vita, il nostro amore e la nostra dedizione. Spesso lavoriamo senza vedere i frutti. Ma il Vangelo ci dice che è Dio a farli crescere e che possiamo confidare nella sua forza. Questa è la nostra speranza, la speranza che abbiamo voluto diffondere e con la quale siamo tornati dalla Giordania. È possibile sognare una chiesa missionaria! Se ci amiamo, possiamo essere un cuore vivo che arde e diffonde la gioia di Cristo in mezzo alle situazioni difficili. Abbiamo sperimentato il volto giovane della Chiesa quando giovani e adulti insieme sono una testimonianza credibile per gli uomini di oggi.






Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!