Preparando il Natale in mezzo alla guerra


Notizie da Israele


Miilya, 7 dicembre 2023

Cari amici

Oggi ricorrono due mesi dallo scoppio della guerra in queste zone. Quante persone hanno perso la vita, la casa e la salute da allora!  Tutte le parti hanno subito danni irreparabili. Il rifiuto e la paura sono stati seminati e le relazioni sono state spezzate, la fiducia è stata distrutta. E ancora non vediamo la fine.

La nostra vita è come un film. Sto decorando il presepe e montando l'albero di Natale, mentre l'artiglieria israeliana bombarda obiettivi nel paese vicino, non lontano da qui. Le detonazioni fanno tremare le finestre. Ma forse è anche il realismo della vigilia di Natale, dove in una grotta, inosservato da coloro che lottano per i loro diritti, il loro dominio o la loro influenza nel loro mondo violento, Dio stesso diventa uomo. Entrambi coesistono ed entrambi sono realtà. Dobbiamo decidere a quale di queste realtà dare fiducia.

"La luce splende nelle tenebre e le tenebre non se ne sono impadronite" (Giovanni 1,5). Ancora oggi sperimentiamo quest’oscurità. Continua a minacciarci continuamente. Siamo minacciati dalla paura. L'altro giorno ho parlato con una madre di famiglia. Non riesce a dormire la notte perché teme di non sentire l'allarme. Un'altra donna non può uscire dall'ala di sicurezza della sua casa perché tutto il suo corpo trema. Molti altri, invece, vivono questo momento con calma e fiducia. Ma c'è quell'"Erode" che cerca di uccidere la fede, l'amore e la fiducia in noi. Sono i pensieri che cedono alla rassegnazione o che si aggrappano alle notizie che vogliono renderci impossibile trovare la strada per il presepe.

In mezzo a tutto questo, celebreremo il Natale, più veramente e più profondamente degli altri anni. Mai abbiamo atteso tanto il Dio Forte e Principe della Pace. La nostra supplica è profondamente radicata nella nostra realtà. Abbiamo bisogno di uno che guarisca le ferite, che guidi i nostri cuori alla pace, che ci permetta di affrontare le conseguenze della guerra con il primo passo di chi accoglie con stupore e meraviglia l'incomprensibile venuta del nostro Dio, e che permetta al nostro grande Dio di scambiare il suo cielo di pace con la guerra della nostra terra. E tutto questo per me, per voi e per tutti. Per Hezbollah e Hamas, per gli ebrei e i cristiani - ecco il "Dio con noi". Dove cerchiamo di creare un po' di pace nelle nostre relazioni, perché ci rendiamo conto di come, di fronte a grandi problemi e pericoli, a volte è irrilevante se ho ragione o torto, Lui è presente e fa nascere un germoglio dal terreno arido del nostro cuore.

In questa situazione, viviamo come nell'occhio di un uragano. Intorno a noi c'è la guerra, ma nel nostro villaggio viviamo la nostra vita. Con cautela e prudenza, ma con tutte le cose della vita normale. I vicini di casa si fanno visita l'un l'altro. I gruppi si incontrano nel bunker. Ci rechiamo in altri villaggi per incontrare i giovani. Si mangia, si fa la spesa, si lavora...

In tutto questo, anche la Chiesa va per la sua strada. Prepariamo il programma di Natale. Questa volta non ci saranno mercatini di Natale o celebrazioni all'aperto. Ci rimane l'essenziale: la preghiera, i canti che ci portano a contemplare il presepe, la presenza di un bambino nato per portarci la pace - prima nei nostri cuori e poi nelle nostre relazioni, con la gente e con i popoli....

Non permettiamo quindi che lo strapotere del male oscuri la nostra visione di questo piccolo neonato. Perché: Egli è la nostra pace (Ef 2,14) e sulle sue spalle poggia il dominio (Is 9,5). Il suo regno crescerà dal basso, dalla mangiatoia, e sarà saldamente stabilito.

Preghiamo per la pace per Gerusalemme, dice il Salmo 122 - ma soprattutto: osiamo confidare in questa pace, piccola e umile - piuttosto che nelle rumorose esplosioni di bombe e missili.

Auguro a tutti voi un sereno Natale dalla Terra Santa, dove il Dio Santo si è unito una volta per tutte alla nostra empietà per seminare i semi della Sua pace.

Monika dalla Terra Santa

Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!