Continuiamo a camminare


Anche Annalena ci racconta la sua esperienza del Cammino

Lungo il Cammino di Santiago ho ritrovato il mio sorriso spensierato di un tempo, tra i panni stesi al sole a Porrino, i sentieri in salita a Redondela, nel verde e tra i limpidi ruscelli di Pontevedra, le chiese di Padron, cariche di misticismo, le messe celebrate in lingua spagnola, tra gli abbracci ed i brividi dell'arrivo.

       La mia esperienza è iniziata nell'incertezza di una decisione presa in una mite sera di primavera, proposta, dapprima accennata, che successivamente è divenuta sempre più concreta.

       Fin da subito, mi sono sentita una privilegiata, come se fossi stata scelta tra tanti.

        Si è conclusa nella consapevolezza di aver vissuto dei momenti unici.

       Ricordi cristallizzati nella mente e nel cuore, rievocati nei racconti agli amici curiosi o nei momenti di tranquilla solitudine, quando fai i conti con te stessa e pensi che ne sia valsa davvero la pena.

       Le note della chitarra mi risvegliavano al mattino, insieme al chicchirichì dei galletti ruspanti, le prime luci dell'alba sussurravano che era ora di alzarsi.

       Seguivano i compiti da svolgere in favore di tutti i compagni di Cammino, poi i silenzi che incorniciavano i primi passi del tragitto, le parole della catechesi su cui meditare, la conchiglia donata appesa al collo, simbolo del nostro essere pellegrini.

       L'impegno delle care Missionarie per far sì che tutto fosse perfetto, nulla lasciato al caso, semmai alla Provvidenza, che in tante occasioni ha rinvigorito gli animi e i passi.

       Volti dapprima sconosciuti, poi ogni giorno più familiari, nomi sempre più facili da pronunciare e ricordare.

Ogni sguardo associato ad un sorriso.

       Gesti semplici, chiacchierate profonde che scolpivano piano piano i sentimenti più nascosti.

       Zaini lasciati qua e là, sacchi a pelo distesi, giacigli per i sogni, poi la stanchezza che non riusciva a prendere il sopravvento, la voglia di arrivare, di farcela fino alla fine, perché la strada verso la meta era ogni giorno più breve, l'abbraccio al busto di Santiago, un miraggio divenuto realtà.

      
Quanti oggetti pesanti ed inutili sulle mie spalle, metafora di un'esistenza appesantita, la mia, che andava sfrondata dai fardelli accumulati nel tempo.

       Sono sempre più convinta che, lungo il Cammino di Santiago, ho ritrovato il mio sorriso, ora non lo lascio più, lo tengo stretto stretto al cuore.

      

                                                                   Annalena

Commenti

Post popolari in questo blog

Diario in situazione di guerra (2)

“Dio vi ama così come siete. Non abbiate paura”

Andiamo in missione in Perù!